BONUS VERDE 2020 - Detrazioni fiscali per giardini, terrazzi e balconi.

Il Bonus Verde 2020 per giardini, terrazzi e balconi è la nuova detrazione fiscale sull’Irpef introdotta con la nuova Legge di Bilancio 2018 e riconfermata per il 2020. Saranno quindi detraibili le spese per la cura e manutenzione del verde privato e condominiale.

Bonus Verde Incentivi Giardini e Terrazzi

Bonus verde 2020: cosa è e come funziona?

Il Bonus verde è la nuova detrazione per le spese relative alla sistemazione degli spazi verdi e alla realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

La detrazione fiscale segue lo stesso iter delle altre detrazioni fiscali in vigore, prorogate dalla stessa Legge di bilancio 2020 e prevede uno sconto fiscale del 36 per cento per una spesa massima di 5.000 euro per ogni unità abitativa. L’importo in detrazione Irpef per l’anno 2020 dovrà sarà spalmato su dieci anni: in pratica, ipotizzando la spesa massima ammessa dal bonus, il contribuente avrà uno sconto complessivo di 1.800 euro (180 euro di detrazioni annui per 10 anni).

Lo sconto si applica per ogni unità abitativa, quindi chi ha due case potrà usufruire due volte del bonus per un totale di spesa di 10.000 euro e quindi una detrazione di 3.600 euro complessivi.
I pagamenti dovranno essere documentati e tracciati tramite bonifici dedicati già in uso per tutte le altre detrazioni, come ad esempio i cosiddetti “bonifici parlanti”.

Bonus verde 2020: quali spese sono detraibili?

La Normativa parla di:

a) «sistemazione a verde» di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;
b) realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

ed inoltre comprende le spese di progettazione e manutenzione connesse all’esecuzione degli interventi ivi indicati.

Nello specifico si possono detrarre le seguenti spese:

  • manutenzione e sistemazione del verde esistente;
  • fornitura e posa di piante o arbusti;
  • grandi potature;
  • riqualificazione di prati e aree verdi;
  • realizzazione di nuovi giardini;
  • nuova creazione di verde pensile e tetti verdi;
  • rifacimento di impianti di irrigazione;
  • consulenza e progettazione del verde.

Bonus verde 2020: chi può usufruirne?

Le spese per essere detraibili devono essere rimaste a carico del contribuente che possiede o detiene la casa. Quindi dal tenore della norma, la spesa è detraibile anche per chi ha l’abitazione in affitto o usufrutto. E’ importante che il contribuente abbia un titolo idoneo dimostrabile che attesti il possesso o la detenzione dell’immobile.

La Legge di Bilancio prevede l’applicazione della detrazione anche in alcuni casi particolari come ad esempio:

“Se gli interventi di cui al comma 1 sono realizzati su unità immobiliari residenziali adibite promiscuamente all’esercizio dell’arte o della professione, ovvero all’esercizio dell’attività commerciale, la detrazione spettante è ridotta al 50 per cento”.

La detrazione è cumulabile con le agevolazioni già previste sugli immobili oggetto di vincolo ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, ridotte nella misura del 50 per cento”.

In caso di vendita dell’unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati gli interventi di cui al comma 1 la detrazione non utilizzata in tutto o in parte è trasferita per i rimanenti periodi di imposta, salvo diverso accordo delle parti, all’acquirente persona fisica dell’unità immobiliare. In caso di decesso dell’avente diritto, la fruizione del beneficio fiscale si trasmette, per intero, esclusivamente all’erede che conservi la detenzione materiale e diretta del bene”.

In sintesi i soggetti che possono usufruire del Bonus Verde sono:

  • Privati;
  • Condomini;
  • Proprietari di unità immobiliari residenziali ad uso promiscuo (ad es. Liberi Professionisti).

Per ulteriori informazioni vi suggeriamo di consultare il sito dell’ Agenzia delle Entrate

Menu